Montessori? No, grazie! (Scuole Private in Germania)

Premessa.

Questo post vuole essere uno spunto di riflessione per tutti quei genitori che sono in Germania e stanno cercando un asilo.

Nel quartiere dove abito ci sono diversi asili molto belli, sia pubblici che privati. Quelli pubblici sono spesso situati a ridosso delle chiese, e comunque principalmente cattolici, pertanto io e mio marito abbiamo optato per una scuola privata. E siamo rimasti particolarmente affascinati da un Istituto Montessori. Abbiamo iniziato a frequentarlo, o meglio, ci abbiamo provato, e ci siamo ritrovati nel bel mezzo di una vera e propria selezione!  Vi dirò prima di tutto che tutti i tedeschi che conosciamo ci hanno sconsigliato l’asilo Montessori, circa una decina di persone, e sommatene altre dieci che, solo pronunciando il nome Montessori, mi interrompevano dicendo:“Nein, bitte nicht!”. Continuo elencando le mie motivazioni personali, così avrete un quadro più obbiettivo della situazione e del perché dopo essere stati sottoposti a una lunga selezione, abbiamo deciso di selezionare anche noi, e ci siamo detti : “Montessori? No, grazie!”.

Continua a leggere “Montessori? No, grazie! (Scuole Private in Germania)”

Il destino crudele di una Principessa.

barbie
immagine tratta da internet

Oggi sono stata in un parco giochi al chiuso, sono aree gioco attrezzate per accogliere centinaia di bambini e genitori, durante l’inverno.

Io e mio figlio siamo tesserati e frequentiamo spesso e volentieri, a volte si conoscono famiglie simpatiche, a volte invece…

C’è una zona dedicata ai bimbi da uno a quattro anni, noi ogni tanto ci soffermiamo li, tranne quando ci sono le pricipesse. C’è un gruppetto di mamme, non tedesche a onor del vero, tutte sciccose e in tiro che fanno a gara per vestire le figlie come in passerella, l’abbigliamento ideale per un posto del genere.

Mio figlio stava giocando e ha toccato un braccio a una di queste bambine, la quale è scoppiata in lacrime gridando aiuto. Sua madre è subito intervenuta, nel frattempo mio figlio non si era nemmeno accorto della tragedia in corso.
La madre furiosa è piombata verso di me, traduco dal Tedesco.

Continua a leggere “Il destino crudele di una Principessa.”

La Pediatra che sussurrava agli Expat

La Pediatra che sussurrava agli Expat

 

Se vivere all’estero è difficile (e garantisco che lo è), trasferirsi con i figli complica il tutto, e non poco. Mio figlio ha due anni e mezzo, penserete ma è piccolo, cosa c’è di complicato? Non è lui ad essere complicato, lo è il “Sistema Bambini” che qui in Germania è totalmente diverso da quello italiano. In meglio o in peggio? Dipende, sotto molti aspetti è meglio e sotto altri è peggio. Questa settimana mi sono scontrata con uno degli aspetti peggiori, ve lo racconto, ma è doveroso fare una premessa.

Continua a leggere “La Pediatra che sussurrava agli Expat”

Da zero a sei (o sette) anni.

Le info scolastiche che seguiranno non provengono da un noioso sito ufficiale ma dalle chiacchere fatte in questi mesi con svariate mamme ed ex studenti. Considerate che vivo in Baviera e tra regione e regione vi sono alcune differenze, anche per quanto riguarda le vacanze scolastiche.
Stamattina mentre bevevo un caffè e mio figlio sorseggiava colla, mi sono tolta l’ultimo dubbio.

Continua a leggere “Da zero a sei (o sette) anni.”