Il discorso della nostra preside (tedesca)

Questa sera ho partecipato per la prima volta ad una Elternabend Schulreife o meglio la serata per i genitori dei bambini che hanno compiuto 5 anni e sono entrati in età prescolare. Schulreife significa proprio “maturo per la scuola”. La preside insieme alle maestre hanno voluto darci le linee guida educative che aiuteranno i bambini ad arrivare pronti ad affrontare la Grundschule (o scuola elementare). Continua a leggere

Un Wochenende a Bonn

Quando ho lasciato l’Italia sapevo che molti amici non li avrei più rivisti, o almeno non così facilmente. Vivendo all’estero ho scoperto quanto ci si possa sentire legati a chi come noi vive immerso in una cultura in cui non è cresciuto. Le sfide giornaliere sono toste e mai come in questi anni ho sentito il bisogno di avere degli amici che vivono la mia stessa esperienza. Continua a leggere

U9 il bilancio di salute in Germania

Quelli di voi che non vivono in Germania si staranno chiedendo: cosa significa U9? E’ semplice, U sta per Untersuchung cioè esame o visita e 9 sta per nono, in italiano si traduce come Nono Bilancio di Salute. Qui in Tedeschia come in Italia, i bambini vengono sottoposti regolarmente a dei bilanci di salute che, in tenera età si limitano alle misurazioni (peso, altezza, circonferenza cranica, ecc..) e alla verifica delle capacità di movimento. Più i bambini crescono, più durante l’Untersuchung vengono approfonditi diversi aspetti tra cui il linguaggio, la capacità visiva, l’udito, e così via. Riguardo ai denti invece, il bambino viene direzionato direttamente dal dentista di fiducia dove farà due controlli all’anno. Ma torniamo all‘U9 a cui si sottopone il bambino al compimento dei CINQUE anni. Qui è un passaggio molto importante perché si entra ufficialmente in età pre-scolare o meglio si diventa Vorschulkinder. Continua a leggere

campagna novara blogger expat

Il destino del Gruppo Giungla

Un mattina di fine inverno sono arrivata al Kindergarten; c’erano le solite facce tristi ma quel giorno erano più che motivate. Quando ho salutato l’educatrice del Gruppo Giungla, di cui fa parte mio figlio da ben due anni, lei si è fatta avanti e con lo sguardo preoccupato e mi ha sporto una lettera. Ho sbirciato in classe e ho notato un tavolo pieno di buste identiche. “E’ il calendario dei giorni in palestra?” ho chiesto banalmente, ma lei aveva gli occhi lucidi ed è andata via. Sono salita in macchina e ho aperto la busta, poche righe che per semplicità trascrivo in Italiano: Continua a leggere

La mia prima volta in un ospedale tedesco

Durante l’ultimo mese, sono stata ricoverata un paio di settimane in un ospedale bavarese. Sono stati giorni difficili per diverse ragioni, ma non ho intenzione di annoiarvi con la mia malattia. Voglio però scrivere della mia prima volta in un ospedale tedesco, i miei pensieri e come sempre, la MIA personale opinione, questa volta come paziente. Non era previsto che io fossi ricoverata, e questo ha reso la mia esperienza decisamente più avventurosa! Iniziamo col bicchiere mezzo pieno, che è quello che preferisco. Continua a leggere