Ma io sono qui e non mi arrendo

Oggi abbiamo finalmente firmato il contratto per la Vorschule. Sapete che non mi sembra vero! Della Vorschule vi avevo parlato nel post In Germania iniziare la scuola a sette anni è un’opportunità, ma non ho mai scritto delle difficoltà che abbiamo incontrato per dare a nostro figlio questa opportunità. Si, perché di ostacoli ne abbiamo trovati tanti. Continua a leggere “Ma io sono qui e non mi arrendo”

In Germania iniziare la scuola a sette anni è un’opportunità

Come alcuni di voi sanno, sono la mamma di un bambino nato in settembre e che quest’anno compirà 6 anni. Fin dalle prime riunioni al Kindergarten, le educatrici ci parlarono dell’opportunità in Germania di iniziare la scuola a sette anni. Sottolinearono più volte quanto, secondo gli studi tedeschi, i bambini che iniziano la scuola a sette anni, abbiano più possibilità di avere successo nella carriera scolastica. Sarà vero? Naturalmente si tratta di statische, fatto sta che è uno studio interessante.

Devo ammettere che fin da subito, l’idea di rinviare di un anno l’inizio della scuola per mio figlio, ci ha entusiasmati. Un po’ perché, onestamente, non abbiamo mai capito la fretta di alcuni genitori di mandare i figli a scuola, quasi fosse una gara a chi comincia prima. Un po’ perché essendo nostro figlio bilingue, ci siamo chiesti se non fosse il caso di approfondire lo studio del tedesco prima di iniziare la scuola. Infine,  se dovesse iniziare quest’anno, si ritroverebbe ad essere il più piccolo della sua classe, il che, visti i ritmi delle scuole bavaresi, non sarebbe certo un vantaggio per lui, anzi. Continua a leggere “In Germania iniziare la scuola a sette anni è un’opportunità”

Il destino del Gruppo Giungla

Un mattina di fine inverno sono arrivata al Kindergarten; c’erano le solite facce tristi ma quel giorno erano più che motivate. Quando ho salutato l’educatrice del Gruppo Giungla, di cui fa parte mio figlio da ben due anni, lei si è fatta avanti e con lo sguardo preoccupato e mi ha sporto una lettera. Ho sbirciato in classe e ho notato un tavolo pieno di buste identiche. “E’ il calendario dei giorni in palestra?” ho chiesto banalmente, ma lei aveva gli occhi lucidi ed è andata via. Sono salita in macchina e ho aperto la busta, poche righe che per semplicità trascrivo in Italiano: Continua a leggere “Il destino del Gruppo Giungla”