Balli proibiti e molto altro…

Siamo ormai vicini al giro di boa! mio marito è qui da un anno e per me manca un mesetto.
Per la prima volta ci godiamo il lungo weekend pasquale nella nostra nuova casa.
Scrivo lungo perché qui il venerdì santo è considerato festivo, ma soprattutto abbiamo scoperto che se in Italia le giornate festive valgono per l’intero Paese, qui variano da regione a regione a seconda della maggioranza, cattolica o protestante.

Potete curiosare su questo link che confronta i calendari.
Ma non è solo il calendario a cambiare! Come ho già bloggato qualche pagina fa, qui il concetto religioso è profondamente diverso. In Tedeschia è meglio avere le idee chiare e la presenza delle religioni  nella politica non è un gioco di trasparenze all’italiana, non si suppongono ingerenze o complotti, i tedeschi non amano questo tipo di approccio e le leggi sul comportamento durante le festività religiose vengono discusse al Ministero e valgono per tutti i cittadini.
Il più singolare dei divieti è certamente il Tanzverbot, cioè il divieto di ballare.
Si avete capito bene, durante le festività religiose, discoteche e balere all’aperto si prendono una pausa, nel caso della Baviera, lunga ben quattro giorni! Osservano fasce orarie diverse delle quali diventerò esperta non appena avrò una vita sociale!
La sensualità dei balli tradizionali, quelle movenze da tira e molla, tra calzettoni di lana cotta e cappellini con le piume, pare possa turbare il silenzio indispensabile al momento di preghiera, ma pure la sera? si amici il divieto si estende dal giorno alla notte, qui si resta concentrati!
E se vostro marito pensasse banalmente di andare a lavare l’auto? Nein!
Ci si organizza per tempo ma durante la Pasqua non si lava l’auto! E udite udite nemmeno lo sport è praticabile! Le manifestazioni sportive non sono gradite durante le festività religiose e, non ci crederete ma in questi giorni si vedono pochi runners al parco.
Riguardo alle chiusure dei negozi, venerdì, domenica e lunedì sono tutti chiusi mentre il sabato è a scelta, o meglio alcune catene decidono di aprire altre no. E’ facile che a Monaco si trovino i negozi aperti ma nelle cittadine limitrofe, meglio organizzarsi per tempo con la spesa, perché si rischiano chiusure per quattro giorni consecutivi!
Insomma, ancora una volta la Tedeschia si rivela distante dall’Italia, nonostante si tratti della stessa religione.
Ricapitolando, dunque si può bere anzi è consigliabile, si può grigliare ma niente balli mi raccomando!
Per una sana vita bavarese, si consigliano lunghi pisolini sulla sedia a dondolo stile Giustino e Marilù oppure fate come i bambini, che in questi giorni vanno per prati e giardini alla tradizionale ricerca dei conigli di cioccolato.

2 pensieri su “Balli proibiti e molto altro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...